//
stai leggendo...
Super 8 - il Film, Super 8 - Viral

La recensione di Super 8: perché ho amato il nuovo film di J.J. Abrams e Steven Spielberg

Recensione di Super 8

Avendo visto Super 8 in anteprima appena ieri mi tolgo prima di tutto il sassolino dalla scarpa: seguire l’ARG è servito a poco, se non a nulla. Non troverete nel film un granché dei mille indizi, personaggi, intrecci che avete seguito in questi mesi. È dispiaciuto anche a me. Del resto, in queste ultime settimane era diventato evidente che Super 8 fosse un film di Spielberg più che di J.J.Abrams. Eppure non sono rimasto deluso, anzi ho amato questo film, e vi spiego perché.

Appartengo – come molti di voi – alla generazione cresciuta negli anni ’80, con i film di Steven Spielberg e più in generale in un’epoca che premiava la fantasia e il sogno. Un’epoca in cui non era ancora iniziata la gara ad essere più smart, cinici e cerebrali. Esagerando potrei dire: un’epoca di cuore più che di testa. Almeno al cinema.

È proprio questo “cuore” che ho ritrovato in Super 8.  Nonostante sia un film tecnicamente impeccabile, negli effetti visivi come in quelli sonori, non è questo il suo tratto vincente. Né lo sono gli indizi, i complotti o gli enigmi scientifici (che anzi scarseggiano). Sono le persone. È il fattore umano. È la storia di 6 adolescenti veri – non dei cloni da blockbuster – che vivono un’avventura in grado di tirare dentro lo spettatore non solo con esplosioni mostruose (che pure non mancano). È Spielberg, in poche parole. Lo Spielberg più puro, che sfida lo spirito dei tempi e ci mette a confronto con un’epoca più innocente della nostra.

Detto questo, l’effetto nostalgia gioca un ruolo importante. I più giovani potrebbero non apprezzare al 100% questo film, trovarlo prevedibile o poco eccitante. Ma Super 8 ha tutta l’aria di una dedica alla generazione ’70-’80, che invece ha molti motivi per amarlo. E a tutti noi ricorda che c’è un altro modo di fare cinema, che non si basa sul costruire robot sempre più grandi.

Per finire, qualche giudizio sugli elementi di cui più si è parlato in questi mesi:
l’alieno: poco creativo, ricorda un po’ troppo quello di Cloverfield. Ma hanno tutti lo stesso colore gli alieni dei film? (se non temete lo spoiler, cliccate qui);
gli attori: azzeccatissimi, credibili, infinitamente americani;
il setting: profonda provincia americana. Un po’ difficile relazionarsi, ma perfetta per la storia;
i filmati in Super 8: ha un ruolo importante, ma non per il motivo “complottista” che immaginiamo;
il padre di Josh Minker: non pervenuto;
i Rocket Poppeteers: non pervenuti;
J.J.Abrams: poco pervenuto: non sembra un suo film a dire il vero;
le energie alternative: ma che c’entravano?
l’Area 51: forget about it;
programmi di controllo della mente: era una nostra ipotesi, si è rivelata bacata.

Vedetelo, vedetelo, vedetelo, e non ve ne andate prima che siano finiti anche i titoli di coda.

Discussione

3 pensieri su “La recensione di Super 8: perché ho amato il nuovo film di J.J. Abrams e Steven Spielberg

  1. Che succede dopo i titoli di coda?
    Per favore dimmelo…

    Pubblicato da Salvatore Manfredi | 24 luglio 2011, 5:12 pm
    • Capisco la curiosità, ma non voglio spoilerare tutti. Posso dirti che non ha nulla a che fare con l’ARG e che invece è un divertente omaggio allo spirito del film. Da un certo punto di vista, è la giusta conclusione della storia.

      Pubblicato da Andrea | 24 luglio 2011, 5:26 pm

Trackback/Pingback

  1. Pingback: Super 8 – tutte le recensioni in anteprima | Vita di un IO - 9 settembre 2011

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 4 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: